IC CASALE SUL SILE

Benvenuti nel sito dell’

ISTITUTO COMPRENSIVO – IC CASALE SUL SILE

Lettera di fine anno della Dirigente

Cari ragazzi, 
sono finalmente a casa e adesso ho il tempo per scrivervi poche parole di saluto alla fine di questo anno scolastico. Sono un po’ stanca, per cui mi scuserete se non sarò particolarmente brillante. Mi interessa piuttosto che Vi arrivino al cuore parole scritte col cuore. Non c’è bisogno bisogno che brillino, non serve: la luce siete voi, il lavoro più bello (e difficile) del mondo.
 
Abbiamo attraversato insieme due anni scolastici particolarmente faticosi e insieme ce l’abbiamo fatta, perché insieme quasi tutto è possibile. Come vi ho scritto nel discorso per la festa della Repubblica, avete molto sofferto e di questo siamo consapevoli. Speriamo che quest’anno scolastico vi abbia fatto sentire la nostra vicinanza e la nostra comprensione; nel caso in cui non fosse così o non del tutto, mi auguro che queste parole servano a farvelo arrivare forte e chiaro. 

A voi dico grazie per aver fatto in modo, rispettando tutte le innumerevoli regole che questa situazione di emergenza ci ha costretti a rispettare, di poter frequentare quasi senza interruzione, perché questo ci ha permesso di poter trascorrere insieme,  in modo quasi normale, il tempo della scuola, che è gran parte del tempo della vostra vita. Avete avuto di nuovo la possibilità di ridere, anche se solo con gli occhi, di scherzare, di arrabbiarvi e litigare, di studiare, di essere giustamente i Bambini e i Ragazzi che siete. Ciò che non ci piega ci fortifica, e quest’anno avete dimostrato di poter essere forti, di poter raggiungere i vostri obiettivi: di questo non dubitate mai. Abbiate sempre fiducia in voi stessi. Anche quando sbaglierete, anche quando fallirete, perché errori e fallimenti non solo fanno parte della crescita di ogni essere vivente, ma spesso permettono di percorrere strade diverse e migliori.

A voi tutti dico: non siete un voto. Abbiamo a disposizione, nella scuola secondaria, un numero finito di decimali, ma voi siete infiniti, di numero e di essenza, ognuno diverso, ognuno particolare, ognuno di voi unico. Il voto, la valutazione in generale è solo una fotografia del vostro rendimento scolastico e del vostro comportamento in un momento specifico del vostro processo di crescita, della vostra vita. Non è qualcosa di immodificabile, non è ciò che più vi caratterizza.

A coloro che sono stati ammessi all’anno scolastico successivo dico un arrivederci a scuola per il prosieguo del percorso; a coloro che non sono stati ammessi dico la stessa cosa, ci è costato molto decidere per questo passo e solo nella speranza che serva a potervi aiutare ad essere più maturi e più pronti ad affrontare la vita e il vostro successivo percorso di studi: ciò che oggi è un insuccesso, domani speriamo possa fornirvi più strumenti e maggiore forza per il futuro. 
Non lo sappiamo mai in anticipo, ma di certo lo speriamo.

Ai Ragazzi che stanno per affrontare la loro prima prova importante, l’Esame di Stato del I ciclo, dico: date il massimo, a prescindere dal voto. 
È un passaggio importante che ricorderete per sempre: fate in modo che possa essere bellissimo.

Ai Genitori dico: grazie perché quest’anno non è stato facile essere vicini e dare forza ai nostri bambini e ragazzi, anche quando sentivamo venire meno forza e speranza anche per noi stessi, spesso preoccupati dalla situazione pandemica, lavorativa, familiare. Qualcuno ha subito anche dei lutti, gravi perdite, che hanno reso ancora più difficile questo cammino. A questi genitori e ragazzi va tutta la nostra solidarietà e la nostra vicinanza. Non elimina la sofferenza, ma di certo può aiutare il pensiero di non essere soli. 

A tutti e a tutte dico, citando il Macbeth di William Shakespeare: “Date parole al dolore: il dolore che non parla bisbiglia al cuore sovraccarico e gli ordina di spezzarsi”. 
Date parole al dolore e ascoltatele, le vostre e quelle dei vostri figli: è l’unica strada per superarlo, tanto semplice eppure tanto difficile, l’ossimoro è solo apparente.

Ai Docenti, alle mie due collaboratrici (o Vicepreside, come amano dire gli alunni), ai Collaboratori scolastici e al Personale di Segreteria dico grazie per aver affrontato insieme quest’anno così difficile, per essere stati al mio fianco: con il vostro lavoro avete permesso che quest’anno fosse un anno di accoglienza per i nostri giovani alunni, pur con tutte le preoccupazioni per la nostra salute e quella delle nostre famiglie.

Concludo con due citazioni. Sono in inglese, forse un po’ fastidiose per questo, ma non trovo sia il caso di tradurle. Ai ragazzi la sfida di scoprire di chi sono: 
yes, we care and yes, we can.
Insieme possiamo.

Buona estate a tutti, che il prossimo anno possa essere un anno di serenità e graduale ritorno alla normalità. 
Io lo spero e fortemente ci credo.

Un abbraccio fortissimo dalla vostra Preside.
 
 

Progetto Salva Rondini
Presentazione

Video

Realizzato in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Casale sul Sile nell’ambito delle attività previste
dal progetto “CASALE SI…CURA”

 

F E S T A  della  R E P U B B L I C A
giugno  2021

Abbiamo celebrato stamattina la Festa della Bandiera presso il giardino della nostra scuola: presenti la nostra Dirigente Scolastica, il Sindaco dei Ragazzi, il Sindaco di Casale sul Sile e i rappresentanti delle Associazioni Combattentistiche.
La cerimonia è stata accompagnata dagli interventi degli alunni dell’indirizzo musicale e degli alunni del Consiglio comunale dei Ragazzi.

Discorso Sindaco dei Ragazzi

Discorso Dirigente

   

ATTENZIONE NUOVA PROCEDURA PER INVIO MAD (Messa  A  Disposizione):
VERRANNO CONSIDERATE SOLAMENTE LE MAD INVIATE ATTRAVERSO L’APPOSITO LINK

http://gestionemad.it/mad/gestisci.php?codmec=TVIC82200L&i=169

 

 

 

 
 

Pedibus

 

 

 

Lettera alla Dirigente scolastica